Ichos

Il corso

Ichos

9/10 anni

Il suono è VIBRAZIONE, quella vertigine ancestrale che dal primo battito attraversa e unisce le nostre cellule, il nostro ESISTERE in Noi e intorno a noi nell’Universo.

La prima CONNESSIONE con i RUMORI della vita. La prima INFORMAZIONE, APPRENDIMENTO, CONSAPEVOLEZZA. Poi vengono educati per poter condividere il loro utilizzo. Diventano parola, musica e molto altro. Appartengono alla NATURA, dove possiamo incontrarli e sentirli dentro.

Ichos è il nome del progetto, una parola greca, significa semplicemente suoni.

Non ha la pretesa di insegnare nulla, è un’esperienza: cercare tra i rumori per trovare quelli a noi più familiari.

Inventare uno “strumento”, ognuno il suo, con qualsiasi oggetto percuotibile, soffiabile, pizzicabile, compatibile con il rumore che intendiamo riprodurre.
Senza esserne consapevoli noi e il nostro strumento, diventeremo quel filo invisibile che connette il suono che ci vibra dentro con quello “universale”. L’obiettivo è capire che tutti gli oggetti possono diventare strumenti e svolgere questo ruolo medianico, se sostenuti dall’INTENZIONE di chi li usa. Tutte le persone sono un canale energetico e possono percepirlo abbandonandosi all’istinto, che farà da guida. Più rumori si cercheranno per dialogare tra di loro, noi siamo lo strumento e l’energia sa già dove andare (dove ci sono vuoti da riempire), il caos non sarà più una sensazione. Un viaggio alchemico per sperimentare un divertente modo di comunicare in cui riconoscersi.

Possono partecipare i bambini (esperti rumorosi privi da preconcetti) e gli adulti.

i

Breve descrizione del corso

Ideare e scrivere una storia

In questo periodo storico votato all’individua-lismo, abbiamo pensato a un percorso in cui sperimentare la realtà del “gruppo”, dalla sua genesi alla creazione di una storia condivisa in cui ogni elemento diviene fondamentale del tutto.

Accompagnati da tecniche di storytelling i bambini impareranno a definire i confini del gruppo in cui ognuno sarà scrittore, narratore e ascoltatore di una storia che comprende le singole parti come i punti di vista diversi di un unico ologramma.

. . . e illustrarla con i colori

L’illustrazione è una rappresentazione visiva totalmente libera da modelli tecnici o schemi preimposti. Per questo le interpretazioni espressive possono essere le più svariate mentre è fondamentale il riferimento di un testo da illustrare. Ogni bambino creerà un suo linguaggio, istintivo, pertinente a ciò che lui per primo vorrà mettere in risalto della storia inventata. Giocheremo a conoscere i colori (complementari, freddi, caldi) e coloreremo le parole da illustrare. I colori sono la base dei sentimenti: non si scelgono si esternano. Le forme non sono un passaggio obbligato; se non si sentirà l’esigenza di definire figurativamente il momento del racconto saremo astrattisti o futuristi.

Saremo unici nell’ispirazione, ma vicini per con-dividere e mantenere una visione d’insieme e un’attenzione sul lavoro degli altri perché uno sarà il messaggio finale.

. . . trasformarla in movimenti

È il linguaggio del corpo, l’ispirazione dei movimenti del corpo, che lavorerà sull’espressione e il linguaggio corporeo sviluppando la capacità istintiva di interpretazione ritmica del suono, utilizzando come strumenti, oltre alla musica, le parole (anche in lingue diverse dall’italiano) con l’obbiettivo di interpretare ed esprimere la forza e la capacità evocativa della loro sonorità.

. . . e infine tenerla tra le mani

Un foglio di carta coloratissimo attira il nostro sguardo, ma ciò che affascina veramente è la forma che assume man mano che lo pieghiamo: fragile, ma al tempo stesso resistente; essenziale, ma al tempo stesso bella: un semplice foglio di carta si può trasformare in una varietà pressoché infinita di oggetti . . . ci vuole soltanto un po’ di carta, pazienza e fantasia.

Nato in Giappone più di 1000 anni fa, l’origami arriva in Europa nel XIX secolo, grazie a un pedagogo tedesco, che ne riconobbe il potenziale educativo legato soprattutto allo sviluppo della coordinazione psicomotoria nei bambini. Con il tempo l’applicazione educativa è stata parzialmente dimenticata, ma, in questa nostra epoca caratterizzata dall’uso e dall’abuso delle tecnologie, appare importante riproporre questa arte ai bambini: stimola la creatività, migliora le capacità logico-spaziali, il coordinamento occhio – mano e la motricità fine.

Obiettivi

  • Acquisire la conoscenza di sé e degli altri facilitando la relazione di gruppo
  • Trasformare il proprio corpo e l’ambiente
  • Accrescere la consapevolezza della propria identità fisica-motoria, emotiva, intellettiva, relazionale e delle proprie capacità espressive, interpretative e creative.
}

Informazioni

Le lezioni di Comunicazione 5.0 si protraggono fino a Giugno 2019, 1 volta la settimana, il lunedì, con 2 progetti distinti che si alternano nelle lezioni:

Ogni lezione dura 1,30 ore (16.45/18.15)

La sede del corso è quella dell’Associazione Anch’Io in Via Giuseppe Mazzini, 33 a Sesto San Giovanni.

Struttura del Laboratorio:

Lettura Scenica e Scrittura Creativa

Prima Parte

  • Conoscenza dei partecipanti con giochi di suono e movimento come presentazione di se stessi e dello spazio circostante
  • Giochi e racconti come monologhi, come coppie e come gruppo

Seconda Parte

  • Creazione e messa in scena di una storia come singolo
  • Creazione di un Cantastorie di gruppo
  • Messa in scena di gruppo
Terza Parte

  • Creazione scritta di una storia in gruppo, la scelta delle parole e di come suonano, la lettura nel corpo
  • La scelta delle parti della storia , cosa tengo, cosa butto e cosa mi serve, che valore ha?
Quarta Parte

  • Conclusione della storia e come la si vuole regalare al pubblico, quanti tipi di lettura ci possono essere?
  • Lezione aperta al pubblico con la presentazione della storia

Struttura del Laboratorio:

Illustrazione e Linguaggio del Corpo

Il laboratorio di Illustrazione e Linguaggio del Corpo si basa sulla rielaborazione creativa di tecniche provenienti dallo yoga e dal teatro. Lo scopo è di imparare ad avere maggiore fiducia in se stessi e nel loro rapporto con gli altri, migliorare la consapevolezza del proprio corpo e delle emozioni. Imparare a superare le difficoltà con il sorriso e grazie all’aiuto dei compagni, in un clima di rispetto e accoglienza.

Tra le tecniche utilizzate il suono armonico delle campane tibetane, il disegno a mano libera, esercizi di gioco a corpo libero, tecniche di rilassamento e rappresentazioni in forma di fiabe delle principali asana dello yoga.

Il lavoro viene strutturato in maniera flessibile in funzione delle esigenze del gruppo. Data la struttura dinamica del Laboratorio, si consiglia la partecipazione al percorso completo annuale in modo da favorire la crescita armonica del gruppo.

PedaGÒ!

L’intento del progetto PedaGÒ! è di dare continuità consapevole al percorso pedagogico avviato nella fase scolare mettendo al centro il bambino e impostando con lui una modalità di insegnamento personalizzata, sviluppata all’interno di corsi collettivi a numero chiuso.

Privacy Policy

Contatti

Email: info@peda-go.it

Telefono: (+39) 335 813 1264

PedaGÒ presenta il progetto Para Scuola

Sabato 11 gennaio 2020 a partire dalle ore 10,00 Open Day sulla nuova iniziativa dell’associazione sestese.

Para Scuola è una striscia pomeridiana dalle 13,30 alle 19,00 per studenti della scuola primaria e secondaria che comprende, compiti e laboratori bilingui di lettura e scrittura, abbinate al movimento del corpo, al linguaggio dei segni, delle immagini e alle vibrazioni sonore.

After 4 prevede anche un servizio Baby Sitting (3-10 anni).

Orario di uscita elastico per chi non ce la fa, merenda sana, libera frequenza, costo assolutamente alla portata.